The Palace

Il nuovo capolavoro di Roman Polanski
Dal 28 Settembre al Cinema!

The Palace è il nuovo film di Roman Polanski.
Una coproduzione Italia, Svizzera, Polonia, Francia. Coprodotta da Èliseo entertainment, CAB Productions, Lucky BOB, RP Productions con Rai CinemaIn collaborazione con Etienne Dontaine e Stéphane Rigotti per Agent Double, Polski Instytut Sztuki Filmowej, Atlas Sztuki, Moderator Inwestycje Adam Gudell, Direct4energy Jarosław Fabiański, Benitex Beata Radkiewicz. Produttore associato Carla Milesi di Grésy. Prodotto da Luca Barbareschi, Wojciech Gostomczyk , Janusz Hetman , Jean Louis Porchet.

Una nuova partnership produttiva che vede nuovamente Polanski e Barbareschi insieme dopo L’ufficiale e la spia , vincitore del Gran Premio della Critica al Festival di Venezia nel 2019.

È il 31 dicembre 1999 – Capodanno del nuovo millennio. Al Palace Hotel, suntuoso castello nelle Alpi Svizzere, convergono ospiti ricchi, viziosi e viziati accolti da una schiera di camerieri, facchini, cuochi e receptionist. Le storie dei singoli personaggi danno vita ad una commedia assurda, nera, provocatoria.




In barba a tutto (Stagione 2021)

Spiazzante, ironico, controcorrente, curioso, alto ma al tempo stesso pop. Questo è il mood del nuovo programma di Luca Barbareschi, In barba a tutto. Otto puntate, in onda da lunedì 19 aprile alle 23.15 su Rai3, in cui l’attore e regista, con interviste in diretta, si propone di raccontare un mondo diverso in modo politicamente scorretto, con temi avvincenti e ospiti appassionati, rubriche, musica e divertimento. Parola d’ordine: sense of humor.Lo studio ricorda un loft newyorkese, un ambiente accogliente, con un bancone, un biliardo, due poltrone e, sullo sfondo, una vista cittadina simbolo di una cultura underground. Ogni puntata proporrà tre temi e per ogni tema un ospite. L’equilibrio della puntata vedrà personaggi famosi alternarsi ad altri meno noti al grande pubblico. Non classiche interviste dedicate alla carriera dei protagonisti, ma colloqui mirati che spazieranno dal cosmo e dall’idea romantica che da sempre ha suscitato, al body shaming in contrapposizione all’idea di bellezza che l’arte ha veicolato nei secoli; dal cibo nella sua concezione di utilizzo totale dei prodotti, al concetto di Dio veicolato tramite i social media. A suddividere i tre grandi temi saranno monologhi, contributi video e tanta musica.

La band accompagnerà esibizioni e momenti di passaggio, sottolineando le interviste e giocando con i protagonisti. Il dress code è informale, come informali saranno le interviste.