I guastafeste

I guastafeste, varietà televisivo, trasmesso su Canale 5 dal 19 ottobre del 1996 in prima serata il sabato sera, e condotto da Massimo Lopez e Luca Barbareschi. Ad affiancarli, Laura Freddi e Cristina Quaranta, protagoniste di esilaranti microburle e di intermezzi musicali. Il programma è stato curato da Fatma Ruffini. Durante il programma, a metà fra Scherzi a parte e una candid camera, i conduttori si prendevano gioco della gente comune e intervenivano prendendo in giro personaggi del pubblico. I due, insieme a Laura Freddi e Cristina Quaranta, che si esibiva in coreografie di Brian Bullard e Garrison Rochelle, conducevano il programma da uno studio che invocava atmosfere anni quaranta. Il principale mattatore della trasmissione era Barbareschi, che si presentava in studio truccato da personaggi fittizi. Tuttavia, Barbareschi dopo la quarta puntata non condusse più il programma; dopo una battuta sull’Eurotassa, infatti, argomento caldo sotto il governo di Romano Prodi nel 1996, in cui il conduttore spronava gli italiani a non pagarla, fu estromesso da Mediaset per alcuni anni.[3] Le candid camera erano a cura di Teo Mammucari

Trenta righe per un delitto

Walter, un giornalista poco incline ai compromessi, viene trasferito alla cronaca, dove fa presto ad immedesimarsi nel ruolo di giornalista investigativo…il suo contributo alle indagini risulta determinante.

Ardena

Nell’estate del 1969, la famiglia di Andrea, 13 anni, lascia Milano per trascorrere le vacanze nel piccolo paese di Ardena, sulle colline che circondano un grande lago. Nella grande casa, oltre ai genitori di Andrea, ci sono due coppie di zii molto diverse tra loro, alcuni cugini, il nonno che non si rassegna ad invecchiare, la nonna che attraversa una delicata fase di riflessione sulla propria vita: scrive poesie, parla con gli alberi e, di nascosto, con il fantasma del suo primo amore, un cadetto morto in guerra. Andrea da un lato passa le giornate con i suoi coetanei, con i quali fa le prime scoperte dell’adolescenza, dall’altro assiste ai problemi che travagliano i “grandi”, la mamma che ha un amante, il padre che gli dà lezioni di comportamento, la nonna che ha strane uscite, il nonno che insidia la cameriera. Intanto la televisione trasmette le immagini dell’atterraggio del primo uomo sulla Luna. Poi l’estate finisce se si deve fare ritorno a casa. Ma Andrea non è più lo stesso.